Principale >> Educazione Alla Salute >> Dovresti prendere il vaccino contro l'epatite B?

Dovresti prendere il vaccino contro l'epatite B?

Dovresti prendere il vaccino contro lEducazione alla salute

L'epatite B è un'infezione che può causare gravi danni al fegato, comprese cicatrici permanenti (cirrosi), cancro al fegato , insufficienza epatica, malattia epatica cronica e persino morte. È causato dal virus dell'epatite B (HBV), che può essere trovato nel sangue, nello sperma e in altri fluidi corporei.

Secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) , circa 22.000 persone in questo paese convivono con un'infezione acuta da HBV (una malattia a breve termine), mentre quasi 1 milione ha l'epatite cronica B. L'infezione, che può produrre sintomi vaghi come affaticamento, febbre e disturbi di stomaco, può essere prevenuto con un vaccino, ma non tutti vengono immunizzati. Il vaccino contro l'epatite B è generalmente raccomandato per neonati / bambini e adulti in alcuni gruppi ad alto rischio. Ma dal momento che l'epatite B è un'infezione che è asintomatico fino a un terzo dei casi e si diffondono attraverso fluidi che possono essere difficili da evitare completamente, potresti chiederti se tutti dovrebbero essere immunizzati. Ecco cosa devi sapere.



Chi ha bisogno di un vaccino contro l'epatite B?

Secondo il Fondazione per l'epatite B. , 80.000 americani sviluppano l'epatite B ogni anno. In tutto il mondo, due persone muoiono a causa dell'infezione ogni minuto.



Da 1991 , è stato raccomandato che tutti i neonati sani ricevano una vaccinazione contro l'epatite B a partire subito dopo la nascita. L'American Academy of Pediatrics (AAP) afferma che i neonati sani dovrebbero ricevere la loro prima dose di vaccino entro 24 ore dalla nascita, con la seconda dose a 1-2 mesi di età e la terza e ultima dose tra 6 e 18 mesi. Se una madre naturale una mamma risulta positiva per l'epatite B durante la gravidanza (e le donne incinte vengono regolarmente testate), tali orari possono essere spostati, poiché l'epatite B può essere trasmessa durante il processo del parto.

Perché i bambini hanno bisogno di un vaccino contro l'epatite B, soprattutto se vivono tra adulti che non fanno parte di un gruppo ad alto rischio? Perché molte persone con infezione da virus dell'epatite B sono asintomatiche e l'infezione può essere trasmessa tramite qualcosa di innocuo come lo spazzolino da denti o il rasoio da barba di una persona infetta. Secondo il Children’s Hospital di Philadelphia (CHOP), l'epatite B è 100 volte più contagiosa dell'HIV . Il novantacinque per cento dei bambini che ricevono tutte e tre le dosi di vaccino contro l'epatite B sarà protetto dalle complicazioni causate dall'infezione, afferma l'AAP.



Un altro motivo per vaccinare i giovani? L'AAP rileva inoltre che più della metà dei 5.000 adulti che muoiono di epatite B in questo paese ogni anno ha acquisito l'infezione da bambini. Se sei un adulto che non è sicuro di essere mai stato immunizzato o meno, puoi fare un esame del sangue che controllerà l'immunità, ma non è giusto per tutti; dovresti verificare con il tuo provider per determinare se il test è appropriato.

Se sei già immune, puoi evitare di ricevere colpi extra e di fare visite cliniche non necessarie, specialmente in quest'era di COVID, osserva Amon Asgharpour , MD, assistente professore nella Divisione di malattie del fegato presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York City. Tuttavia, la somministrazione di dosi extra di vaccino contro l'epatite B a singolo antigene non è dannosa.

Altri che dovrebbero essere vaccinati, dicono il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie , includere:



  • Uomini che hanno rapporti sessuali o rapporti sessuali con altri uomini.
  • Persone che non hanno una relazione sessuale reciprocamente monogama.
  • Persone trattate o valutate per malattie sessualmente trasmissibili (MST).
  • Consumatori di droghe iniettabili o altri che condividono o usano aghi.
  • Operatori sanitari, operatori della sicurezza pubblica, persone incarcerate e coloro che lavorano o vivono in strutture per persone con disabilità intellettiva.
  • Le persone che sono contatti familiari di coloro che risultano positivi all'epatite B.
  • Coloro che viaggiano in aree del mondo (ad esempio, alcune parti dell'Europa centrale e orientale, Africa e America meridionale e centrale) con tassi elevati di epatite B.
  • Le persone con alcune malattie croniche, come le malattie del fegato (inclusi epatite C ), diabete, malattie renali e infezione da HIV.
  • Pazienti in emodialisi (l'emodialisi è una procedura in cui vengono filtrati i prodotti di scarto del sangue; viene utilizzata da persone i cui reni non funzionano correttamente).
  • Le donne incinte che hanno più partner sessuali, sono tossicodipendenti per via endovenosa, hanno o sono in corso di valutazione per una MST o hanno un partner positivo per l'epatite B. Secondo il centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, le donne incinte possono ricevere il vaccino in sicurezza senza alcun danno per i loro bambini non ancora nati.

E se non rientri in tutte queste categorie, dovresti comunque vaccinarti? Mentre il rischio effettivo di contrarre l'infezione varia notevolmente tra la popolazione, il vaccino è così sicuro e facile da ottenere che tutti gli adulti dovrebbero ottenerlo, indipendentemente dal loro rischio personale, afferma Christine Traxler, MD, medico di famiglia in pensione, autore di Sto avendo un bambino: e adesso?

Sicurezza ed efficacia dei vaccini

Grazie alla diffusa immunizzazione dei bambini dall'inizio degli anni '90, la diffusione complessiva dell'epatite B è notevolmente diminuita in questo paese. Tuttavia, l'infezione da HBV è aumentata negli ultimi anni tra alcuni gruppi, in particolare quelli di età compresa tra 30 e 49 anni, riferisce il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (HHS) . L'agenzia indica una copertura vaccinale incompleta (il vaccino contro l'epatite B viene generalmente somministrato in una serie di vaccini) in questa fascia di età, nonché un aumento del consumo di droghe, in particolare i farmaci oppioidi. Nel 2015, i tassi di infezione da epatite B acuta sono aumentati 20,7% , il primo aumento in quasi 10 anni dice l'HHS.

Molti vaccini contro l'epatite B vengono somministrati secondo un programma di vaccinazione che include tre dosi, distanziate di pochi mesi l'una dall'altra. Nel 2017, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato un vaccino a due dosi (chiamato Heplisav-B ) somministrato a 30 giorni di distanza per l'uso negli adulti. Ottieni un'elevata risposta del sistema immunitario e una migliore conformità con un programma a due dosi, osserva Robert G. Gish , MD, direttore medico della Hepatitis B Foundation.



Il vaccino contro l'epatite B (oltre a Heplisav-B, altri marchi includono Engerix-B e Recombivax HB ) esiste da decenni. Anche se nessuno sa con certezza esattamente per quanto tempo il vaccino fornisce l'immunità, almeno uno studio dal 2016 mostra che può essere almeno 30 anni. I colpi di richiamo sono generalmente sconsigliati a persone sane che sono state vaccinate.

Il vaccino Hep B non è un vaccino vivo, quindi è sicuro per neonati, lattanti, donne in gravidanza o in allattamento e individui immunocompromessi.



Hep B effetti collaterali del vaccino

Il vaccino non utilizza sangue o prodotti sanguigni e ha dimostrato di essere sicuro. L'effetto indesiderato più comune è il dolore al sito di iniezione.Altrimenti, dall'1 al 3% [di coloro che vengono vaccinati] riferisce mal di testa, dolori articolari, febbre di basso grado, mialgia o malessere, dice il dott. Asgharpour. Con un basso rischio di effetti collaterali, rende sicuramente la vaccinazione più attraente per medici e pazienti.

Le reazioni allergiche gravi sono rare, ma se si verifica uno dei seguenti effetti collaterali, ottenere assistenza medica immediata da un operatore sanitario:



  • Orticaria
  • Gonfiore del viso
  • Problemi di respirazione
  • Battito cardiaco accelerato
  • Vertigini

Potrebbero essere segni di una reazione pericolosa.

Copertura assicurativa e costi

Secondo il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie , tutti i piani di mercato dell'assicurazione sanitaria e la maggior parte degli assicuratori privati ​​copriranno il costo di un vaccino contro l'epatite B se si utilizza un fornitore in rete. Medicare Parte B coprirà il vaccino contro l'epB se fai parte di un gruppo ad alto rischio. Il prezzo varierà in base a una serie di fattori, tra cui la marca del vaccino utilizzato e se è per uso pediatrico o per adulti, ma in generale il prezzo del vaccino può variare da meno di $ 13 fino a $ 150 . Puoi ricevere il vaccino presso l'ufficio del tuo medico o tramite alcuni dipartimenti sanitari locali. Anche la farmacia della tua zona potrebbe essere in grado di somministrarlo. Per maggiore risparmio sull'epatite B e altri vaccini disponibile in farmacia, utilizza la tua carta SingleCare.



Come proteggersi dall'epatite B.

Sebbene esistano farmaci antivirali che possono aiutare a rallentare e limitare i danni al fegato causati dall'epatite B, non esiste una cura. La prevenzione è fondamentale. Oltre a farti vaccinare, puoi proteggerti dall'infezione con questi suggerimenti del Fondazione per l'epatite B. :

  • Lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone dopo essere entrati in contatto con sangue o altri fluidi corporei.
  • Usa una barriera protettiva (preservativi) quando fai sesso.
  • Non condividere spazzolini da denti, rasoi, orecchini o tagliaunghie.
  • Evita l'uso di droghe per via endovenosa.
  • Pulisci le goccioline di sangue sulle superfici dopo un infortunio con una soluzione composta da una parte di candeggina e nove parti di acqua.
  • Assicurati che vengano utilizzati aghi e inchiostri nuovi e sterili ogni volta che fai un piercing, un tatuaggio o un'agopuntura e ricevi questi servizi solo da negozi autorizzati.
  • Rimani aggiornato su tutti i vaccini, in particolare l'epatite A.
  • Se stai cercando di rimanere incinta o sei incinta, parla con il tuo medico dei test precoci per l'epatite B e della vaccinazione.
  • Se sei un operatore sanitario o un lavoratore esposto, utilizza sempre le precauzioni universali consigliate.
  • Se pensi di avere l'epatite B, di essere a rischio di epatite B o di essere stato esposto, contatta il tuo fornitore il prima possibile.

In caso di dubbio, chiedi al tuo medico curante una consulenza medica professionale per scoprire ulteriori misure preventive.