Principale >> Educazione Alla Salute >> 7 miti comuni sul vaccino antinfluenzale

7 miti comuni sul vaccino antinfluenzale

7 miti comuni sul vaccino antinfluenzaleEducazione alla salute

Ogni autunno, il virus dell'influenza inizia a circolare ... e così fanno una sfilza di miti, voci e mezze verità su questa brutta malattia e il vaccino progettato per prevenirlo. Si diffondono da persona a persona, proprio come l'influenza stessa. Tutta la disinformazione fornisce a molte persone semplici ragioni non per ottenere il vaccino antinfluenzale.

L'influenza è un importante problema di salute pubblica che comunemente colpisce letteralmente milioni di americani ogni anno. Praticamente ogni istituzione sanitaria, dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) all'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), raccomanda che le persone sane di età pari o superiore a 6 mesi ricevano un vaccino antinfluenzale annuale. Quindi, è importante separare i fatti dalla finzione.



Abbiamo chiesto a uno specialista in malattie infettive e a un medico di base di sette dei miti più popolari sul vaccino antinfluenzale. Ecco cosa avevano da dire.



RELAZIONATO: Sondaggio sul vaccino antinfluenzale 2020

Mito # 1: il vaccino antinfluenzale mi darà l'influenza.

Questo è il mito che semplicemente non andrà via. Non importa quante volte gli operatori sanitari lo smascherino, molte persone credono ancora che il vaccino antinfluenzale contenga una versione indebolita del virus influenzale che li infetterà con l'influenza per rafforzare la loro immunità. E ancora una volta, semplicemente non è vero. Il vaccino antinfluenzale non è pericoloso .



Il vaccino antinfluenzale non ti dà l'influenza perché è un virus ucciso, non vivo, dice Christelle Ilboudo, MD, specialista in malattie infettive presso il Università del Missouri Health Care sistema. Non può portare a malattie.

Allora perché ti sei sentito a disagio dopo il tuo ultimo vaccino antinfluenzale? Il dottor Ilboudo dice che ci sono due probabili spiegazioni: una, sentirsi male dopo l'iniezione è una risposta immunitaria naturale comune a molte vaccinazioni, e due, stai ricevendo il colpo in un momento in cui le malattie virali abbondano.

Alcune persone sono già state infettate dall'influenza prima di ricevere il vaccino, quindi si ammalano [casualmente subito dopo l'iniezione], spiega.



Inoltre, il vaccino antinfluenzale impiega due settimane per diventare pienamente efficace, quindi potresti essere esposto al virus prima che il vaccino sia in grado di proteggerti completamente dalla malattia. In ogni caso, però, non è colpa dello sparo in sé.

Mito n. 2: non ho mai avuto l'influenza, quindi non ho bisogno di un vaccino.

La dottoressa Ilboudo dice di sentire questo mito un po 'e, sebbene comune, non è un buon motivo per saltare la vaccinazione antinfluenzale. Non avere mai avuto l'influenza prima non significa che non lo farai mai prendilo - ei tuoi sintomi potrebbero includere qualsiasi cosa, da lievi tiri di naso e starnuti a febbre di basso grado, dolori muscolari e muscolari, mal di testa, mal di gola e tosse, a seconda di quanto gravemente il virus ti colpisce.

Anche il dottor Ilboudo sottolinea che intanto il tuo il sistema immunitario potrebbe essere di prim'ordine, lo stesso non si può dire per tutte le persone con cui entri in contatto: quando prendi un vaccino antinfluenzale, proteggi te stesso e le persone intorno a te che hanno un rischio maggiore di complicazioni influenzali, come asmatici, diabetici, e donne incinte.



Anche se sei il tipo che non si ammala mai, non c'è alcuna garanzia durante la stagione influenzale. Ciò che ti infetta come una malattia minore potrebbe causare gravi problemi ai tuoi familiari, amici, colleghi e vicini immunocompromessi se lo diffondi.

RELAZIONATO: Quali gruppi sono ad alto rischio di complicanze influenzali?



Mito n. 3: l'influenza è solo un brutto raffreddore ... perché dovrei farmi vaccinare?

A proposito di malattie minori, l'influenza in realtà non lo fa rientrano in quella categoria.

L'influenza è un virus mortale che uccide migliaia di persone ogni anno, afferma Joshua Septimus, MD, internista della Houston Methodist. L'influenza può anche causare malattie gravi che richiedono il ricovero in ospedale, come la polmonite.



Dal 2010, il CDC stima ovunque da 140.000 a 810.000 ricoveri correlati all'influenza ogni anno e circa 12.000 a 61.000 decessi correlati all'influenza negli Stati Uniti. Nel frattempo, spiega il dottor Septimus, il comune raffreddore non lo è pericoloso per la vita e raramente provoca gravi complicazioni.

Mito n. 4: l'anno scorso ho ricevuto un vaccino antinfluenzale, quindi non mi serve un altro.

Il pensiero errato qui sta nel modo in cui funziona il vaccino contro l'influenza stagionale. Secondo il dott.Septimus, i ceppi virali che circolano ogni autunno e inverno cambiano di anno in anno e cambiano anche le vaccinazioni distribuite agli studi medici, alle cliniche e alle farmacie (per colpire i ceppi influenzali che si prevede si diffondano più ampiamente) . Anche se le formulazioni non sono cambiate, dice il dottor Septimus, l'immunità fornita dalla vaccinazione antinfluenzale diminuisce nel corso dell'anno.



In altre parole, non puoi accontentarti dei benefici dello scatto dell'anno scorso. Dovresti farti un vaccino antinfluenzale ogni anno.

RELAZIONATO: Stagione influenzale 2020: perché il vaccino antinfluenzale è più importante che mai

Mito n. 5: sono allergico alle uova, quindi non posso fare il vaccino antinfluenzale.

La maggior parte dei vaccini antinfluenzali prodotti oggi utilizza un processo di produzione a base di uova che lascia tracce di proteine ​​dell'uovo dietro. Quindi, molte persone con allergie alle uova presumono che il vaccino non sia sicuro per loro. Il dottor Ilboudo dice che non è così.

Il vaccino in realtà non contiene uova [in forma intera] e le persone con allergie lievi alle uova possono ancora ricevere il vaccino, afferma.

Detto questo, se hai mai avuto una reazione allergica a un vaccino antinfluenzale prima, dovresti parlare con il tuo fornitore prima di riceverne uno per evitare complicazioni inutili. Sintomi comuni indicativi di un'allergia all'uovo includono orticaria, congestione nasale, vomito e, raramente, anafilassi. Se soffri di una grave allergia all'uovo, il medico potrebbe desiderare che tu riceva l'immunizzazione in una struttura medica, come uno studio medico o un ospedale, dove possono riconoscere e gestire reazioni allergiche gravi.

Mito # 6: il vaccino è dannoso o potrebbe causare gravi effetti collaterali.

Abbiamo tutti sentito voci sulle sostanze chimiche tossiche presenti nei vaccini e su come possono causare gravi effetti collaterali (incluso l'autismo, una teoria che è stata smentito ripetutamente ma si diffonde ancora in certi ambienti). Ma il dottor Septimus dice che non ci sono ingredienti nocivi nel vaccino antinfluenzale e questi motivi per non ottenere un vaccino antinfluenzale sono solo voci infondate.

Questo è un mito comune promosso da elementi marginali anti-vaccino: le stesse persone responsabili del [2019] mortale focolaio di morbillo , afferma. L'effetto collaterale più comune del vaccino antinfluenzale è un braccio dolorante e gli effetti collaterali più gravi sono estremamente rari.

Per ulteriori informazioni sugli effetti avversi dei vaccini, cercare il file Sistema di segnalazione degli eventi avversi da vaccino .

Mito # 7: il vaccino antinfluenzale non è efficace al 100%, quindi perché preoccuparsi?

In media, il vaccino antinfluenzale riduce il rischio di malattia influenzale di Dal 40% al 60% , Secondo il centro per la prevenzione e il controllo delle malattie. Alcune persone lo interpretano come un fallimento del vaccino e lo usano come scusa per saltare l'iniezione. È importante ricordare, tuttavia, che nessun intervento medico è efficace al 100%. Alcuni la protezione è sempre migliore di non protezione.

Anche in un anno in cui il vaccino è efficace solo al 50%, si tratta di una riduzione del 50% [nella malattia], afferma il dott. Septimus. Se un intervento medico riducesse del 50% il rischio di infarto, lo sceglieremmo tutti!